Il chierese Marco Dolfin d’argento agli Europei paralimpici di nuoto

DUBLINO – Medaglia d’argento per Marco Dolfin agli Europei paralimpici di nuoto che si sono recentemente svolti nella capitale irlandese. Il portacolori della BLM Briantea 84 e delle Fiamme Oro si è infatti laureato vicecampione continentale nei 100 rana SB5 chiudendo la prova col tempo di 1’41’’36. Davanti all’atleta azzurro si è piazzato solamente lo spagnolo Antoni Ponce Bertran che ha dominato la gara fin dal via facendo segnare il tempo di 1’29’’85.

Quella conquistata a Dublino è stata la seconda medaglia per l’atleta della Nazionale Finp (Federazione Italiana Nuoto Paralimpico) dopo quella vinta nel 2016 agli Europei andata in scena a Funchal, in Portogallo. Classe 1981 e residente ad Airali, frazione di Chieri, Marco Dolfin è chirurgo ortopedico all’ospedale San Giovanni Bosco di Torino e collabora con il poliambulatorio Delma di Andezeno.

Da sempre appassionato di sport, Dolfin l’11 ottobre 2011 ha subito un incidente in moto che gli ha fratturato la vertebra T12 facendolo diventare paraplegico. Tuttavia non ha mai mollato e l’amore per il suo lavoro e per lo sport lo hanno fatto avvicinare al mondo paralimpico dopo un lungo periodo di riabilitazione.

Dolfin ha iniziato a giocare a tennis tavolo dedicandosi poi successivamente al nuoto paralimpico. E’ nella primavera del 2013 che si tessera con la F.I.N.P. iniziando a fare le prime gare nella specialità rana, categoria SB5. L’estate di quell’anno ha quindi preso parte ai primi impegni agonistici di rilievo partecipando ai campionati a squadre a Roma con la società Cis Torino ed alla Nilox Swimming Cup di Milano in cui si è aggiudicato il primo posto. Sempre in quel periodo, Marco Dolfin ha quindi conquistato l’argento ai campionati estivi di Napoli nei 100 metri rana, firmando successivamente il record italiano nei 100 metri misti.

Dopo aver fatto incetta di medaglia anche nei campionati italiani degli anni successivi, nel 2015 Dolfin è stato convocato per la prima volta in Nazionale vincendo la medaglia d’argento nei 50 metri rana al Meeting Internazionale di Berlino. Per il chirurgo ortopedico chierese le soddisfazioni sono proseguite anche nel 2016 con la scalata all’ottavo posto del ranking internazionale e la qualificazioni alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Parallelamente allo sport, Marco Dolfin ha quindi proseguito la sua brillante carriera di chirurgo ortopedico operando dopo l’incidente in piedi su una carrozzina elettronica verticalizzabile.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: